Sfogliatrice per Pasta

Sfogliatrice per Pasta


TRA TECNOLOGLIA E TRADIZIONE
La Sfogliatrice per Pasta è stata un must per tutte le famiglie italiane nella ripresa economica degli anni '50 e '60. Considerata una macchina da tenere con cura
perchè avvicinava la famiglia nei giorni di festa. Tramandata da madre in figlia come una tradizione sacra... in fondo, per gli italiani, è una specialità tirare la
pasta fresca. La tecnologia è poi venuta in soccorso: dal girare una manovella alla sostituzione con motore elettrico. Tutto più veloce. Ma senza perdere la
tradizione e la passione. Per uso domestico, Ristoranti, Alberghi e Hotel, Gastronomie e cucine industriali offriamo macchine specializzate e sicure.
Per alcuni tipi di Sfogliatrice per Pasta si ha la possibilità di aggiungere il Tagliasfoglia.



17 Prodotti

per pagina

17 Prodotti

per pagina

 

Farina, uova, sale: bastano tre semplici ingredienti per creare la pasta fresca, tradizione tutta italiana. È che dire delle “sfogline”? Massaie Emiliane che hanno fatto dello stendere la pasta fresca col mattarello una vera e propria arte. Nel mondo moderno, le tempistiche sempre più ridotte hanno reso necessario sostituire il lavoro manuale con quello automatizzato, anche in cucina. Ecco allora nel 1857 Manzetti ideò la prima macchina per stendere la sfoglia: era l’antenata delle moderne sfogliatrici per pasta. Oggi questi macchinari sono cambiati molto, ma il meccanismo alla base è rimasto invariato. Le sfogliatrici automatiche sono così diventate uno strumento di base in tutti i ristoranti, nelle gastronomie e nelle cucine di vari alberghi. Scopriamo come funzionano e quali sono le caratteristiche da considerare per l’acquisto di una sfogliatrice.


Cos’è e come funziona una sfogliatrice per pasta

La sfogliatrice per pasta è un macchinario indispensabile in qualsiasi cucina, da quella di casa a quella di un ristorante. Questo macchinario in termini semplici va a sostituire il classico mattarello e permette di stendere gli impasti nel modo desiderato per ottenere vari formati di pasta fresca. La tecnologia alla base della sfogliatrice per pasta è tra le più semplici: all’interno il meccanismo prevede due rulli che, allontanandosi o avvicinandosi grazie ad una manopola, vanno a schiacciare e stirare l’impasto in lunghe sfoglie. La manovella permette di regolare lo spessore della sfoglia che si desidera ottenere. Le prime sfogliatrici risalgono a fine ‘800, con un meccanismo completamente manuale.
Oggi le classiche sfogliatrici per pasta manuali sono un oggetto di uso comune in molte case e in piccoli ristoranti o gastronomie. Queste macchine più semplici hanno il grande vantaggio di avere un costo ridotto, di non richiedere alimentazione elettrica e di garantire sfoglie di buona qualità.

Negli anni però per la grande produzione le sfogliatrici si sono dotate di motori elettrici che permettono l’automatizzazione del processo. Le sfogliatrici per pasta con motore elettrico hanno costi più elevati, ma hanno anche il grande vantaggio di non richiedere la presenza costante di una persona mentre viene tirata la sfoglia. La sfogliatrice per pasta permette di abbattere nettamente i tempi di produzione della pasta fresca, senza perdere la qualità del prodotto fatto a mano. L’investimento economico richiesto si traduce così anche in un investimento nelle tempistiche, lasciando più tempo per altre preparazioni. L’utilità di questo macchinario non è limitata soltanto alla stesura delle sfoglie: oltre allo spessore della sfoglia, è possibile sceglierne anche la lunghezza.
Una volta ottenuto il prodotto, si potrà utilizzare un tagliasfoglia. I tagliasfoglia sono dei bracci meccanici che possono essere agganciati alla sfogliatrice e che permettono di tagliare la sfoglia secondo il formato desiderato. Sarà necessario un diverso tagliasfoglia per ogni tipo di formato: tagliasfoglia per fettuccine, tagliatelle, pappardelle, lasagne e molto altro. Un altro aspetto importante da considerare nell’acquisto di una sfogliatrice è la versatilità: questo macchinario infatti è molto versatile e molti modelli sono sviluppati per interagire con altri macchinari, come la raviolatrice. Potrete in questo modo produrre altre formati di pasta, riducendo i tempi.

Caratteristiche da considerare per l'acquisto

Non tutte le sfogliatrici sono uguali: si possono trovare vari modelli che possono essere più o meno adatti alle vostre esigenze, in base al tipo di attività che avete. Vediamo quali sono le caratteristiche più importanti da considerare quando vi preparate ad acquistare questo macchinario.

  • Meccanismo: sfogliatrice manuale o automatica? I modelli manuali hanno il grande vantaggio di costare poco, qualche centinaio di euro per i modelli più raffinati, ma spesso può essere anche inferiore. Se avete un’attività di piccole dimensioni, che non produce abitualmente pasta fresca, ma che vuole regalare questa prelibatezza ai propri clienti di tanto in tanto, optare per una sfogliatrice manuale può essere un buon compromesso tra investimento e profitto. È importante ricordare che i modelli manuali richiedono la presenza costante di una persona che giri la manovella per tirare l’impasto, proprio come fareste nella cucina di casa. Se invece state pensando di acquistare questo macchinario per un’attività di grandi dimensioni, come un ristorante, un hotel o una trattoria, la scelta migliore sarà una sfogliatrice automatica. Una volta preparato l’impasto non dovrete far altro che azionare un pulsante, selezionare lo spessore e la lunghezza della sfoglia, e il gioco è fatto. Anche se l’investimento per questo modello è sicuramente più alto, aggirandosi intorno ad un migliaio di euro, nel lungo corso risparmierete molto tempo da dedicare ad altre preparazioni. Potrete poi completare il vostro acquisto aggiungendo un tagliapasta per un costo che oscilla tra i 50 e i 100 euro circa.
  • Dimensioni: sono due le dimensioni da considerare nell’acquisto. In primo luogo dovete valutare il tipo di sfoglie di cui avrete bisogno: le sfogliatrici infatti hanno un’apertura, dove passa l’impasto, di una certa dimensione che sarà determinante per la larghezza della sfoglia che otterrete. Le dimensioni classiche si aggirano intorno ai 20-30 cm, come quelle domestiche, ma si possono trovare modelli con apertura di 40 cm o superiori, ideali per lasagne o per accoppiare la sfogliatrice con altre macchine. Il secondo parametro da considerare sono le dimensioni disponibili nel vostro ambiente di servizio: i modelli manuali hanno generalmente dimensioni contenute e possono essere smontate o rimosse con facilità. I modelli automatici sono più ingombranti e con un peso maggiore per cui è sconsigliata la rimozione dopo l’utilizzo: necessiteranno così di un posto appositamente predisposto dove essere collocate. 
  • Costo: le sfogliatrici manuali e quelle automatiche hanno costi molto diversi. Valutare il tipo di investimento da fare è una caratteristica importante per ogni azienda, per cui starà a voi considerare la spesa più adatta per le vostre necessità.